Venticinquesima puntata della serie NON SI NASCE, SI DIVENTA condotta da Pj Gambioli e Monia Cappiello (in collegamento telefonico). Ospite su Skype, da Ravenna, Serena Ballarin ballerina & performer, creative coach. In questa puntata parliamo di danza e di teatro. L’uso del corpo come espressione artistica ma anche come “viaggio” per la conoscenza di se stessi. Dopo la laurea Serena decide di seguire la sua anima, desiderosa di vivere l’esperienza della formazione sperimentando nuovi linguaggi e stili. Si trasferisce dapprima in Francia e poi a New York. Al termine della sua formazione comprende che la vicinanza al teatro può darle quell’espressività che lei per prima ricerca. Scopre il piacere di insegnare, così da vita ad un percorso stimolante di creative coach. Insegnare con dolcezza, con il sorriso e con determinazione. I suoi allievi affrontano stimoli e difficoltà talvolta superando se stessi e le proprie paure. Serena ci racconta del suo ultimo spettacolo di teatro e danza “al diavolo!”. Ispirandosi al passato, porta in scena il ricordo delle sue due nonne, tanto diverse quanto particolari. Una dal temperamento focoso, dall’immagine appariscente e controcorrente.

L’altra pudica, chiusa, riservata ma dal carattere deciso. Serena è cresciuta con queste due immagini femminili forti e opposte fra loro e per anni si è interrogata sentendole vive dentro di sè. Così mettendo in scena questo bellissimo spettacolo, parla di quell’empowerment che contraddistingue le donne in genere, che dalla diversità e dalle sfide sanno trarre nuovi spunti e grandi rinascite. Abbiamo registrato questa puntata in modalità stayhome, proprio perchè al momento non era ancora possibile uscire di casa. Ma è proprio in questo periodo, che gli artisti (fra i più colpiti in quanto vedranno riaprire i teatri, i cinema, i palcoscenici a fine anno) scelgono di mettersi in gioco e di creare. Ricordiamo a tutti voi di iscrivervi al canale youtube di JANAS TV, di commentare, condividere e mettere “mi piace” ai nostri video. E’ un ottimo modo per supportare il nostro lavoro, dedicato alle donne che lottano, che lavorano, che creano e che in nome della resilienza, cambiano pelle e si reinventano. Grazie!