Trentunesima puntata della serie NON SI NASCE, SI DIVENTA condotta da Pj Gambioli e Monia Cappiello (in collegamento telefonico). Ospite la modella e artista grafic designer Melanie Ayivi di Cesenatico. Con lei parliamo della sua più grande passione, quella legata all’essere grafica ed al suo desiderio di emergere come artista in un mondo professionale dove è più richiesta come fotomodella. Di indubbia bellezza, Melanie ci racconta di quanto è difficile per lei conciliare entrambe le professioni: la prima (quella di grafica) è ciò che ha scelto, la seconda (quella di fotomodella) è ciò che più le consente di vivere. E’ duro per una donna essere sminuita a causa della propria bellezza: spesso ci si sente dire “se è bella non è certamente intelligente”. Luoghi comuni molto diffusi basati su pregiudizi e preconcetti che certo non aiutano il genere femminile. Ma Melanie ha le idee chiare sul tipo di donna che vuole essere e che disegna.

Un femminile forte ed in qualche modo dominante, per nulla disponibile a ridursi a ruoli disegnati da altri. Simpatica ed ironica anche quando racconta della sua vita personale: nata da madre italiana e da padre di colore. Un duro colpo per i nonni razzisti ed omofobi. Melanie cresce con loro e diventa maestra di quel concetto universale che vuole, attraverso l’amore abbattere ogni frontiera. Con la sua trascinante ironia insegna indirettamente ai propri nonni che l’amore va oltre il colore della pelle o le scelte sessuali. Una puntata densa di riflessioni, di colori, di principi di vita. Melanie ci mostra i suoi dipinti e le sue mascherine con la grafica da lei disegnata. Un’idea piuttosto originale, adatta ad un mercato dove la passione per il disegno grafico diventa sempre più vitale. In bocca al lupo a questa giovane artista, il cammino dell’arte in Italia è arduo, ma noi siamo certe che Melanie saprà farsi largo intercettando quella nicchia di mercato sempre più attenta alle idee fuori dal comune.