Passione & Sardegna. Viaggi tra enogastronomia e tradizione

Il titolo riassume l’anima di Janas. Siamo partite dalla Sardegna: un appassionante viaggio che unisce con una linea sottile ampi territori, enogastronomia e tradizione. Per chi conosce questa splendida isola prevalentemente per il mare e le coste, abbiamo dedicato un importante percorso visuale alla scoperta dell’entroterra e le sue tradizioni, meno note e forse per questo più misteriose ed affascinanti.

AUTUNNO IN BARBAGIA

Titolo originale della kermesse è “Cortes Apertas” – cortili aperti, nata nel lontano 1996 dal genio creativo della comunità di Oliena, piccolo centro della provincia nuorese. L’idea di aprire simbolicamente i cortili al grande pubblico nasceva con l’intento di rivitalizzare il centro storico e di rilanciare le tante attività artigianali. La manifestazione fu un successo eclatante tanto da decidere di estendere l’idea anche ad altri comuni del territorio, assumendo nel 2000 la denominazione di “Autunno in Barbagia“.

Ad oggi è una manifestazione che coinvolge ben 27 comuni della Provincia di Nuoro e che si svolge nei fine settimana autunnali da settembre a dicembre. Così ogni settimana, in ogni diverso comune, si animano le vie dei paesi e si aprono le case storiche. E’ in questi suggestivi luoghi che si svolgono percorsi enogastronomici ed artistici di rara portata. I piccoli centri colgono l’occasione per mettere in mostra i loro antichi saperi, i mestieri tradizionali, il folklore ed il canto popolare. Il tutto con una grande offerta di prelibatezze locali in un percorso eno-gastronomico di grande rispetto.

Abbiamo documentato molti di questi percorsi, per la regia di Pj Gambioli. Clicca la foto per guardare la playlist dedicata ad Autunno in Barbagia

SARDINIA COOKING

La cucina in Sardegna è un cavallo di battaglia. L’isola, ricca di tradizioni e di saporite materie prime, agevola senza alcun dubbio l’attività di donne e uomini appassionati di cucina. La manualità delle donne sarde è spesso un talento sviluppato fin dalla tenera età, ereditato da nonne e madri testimoni di una società a conduzione matriarcale. La cucina sarda è caratterizzata dalla sua varietà in quanto spazia a seconda dei luoghi ove si vive e da dove si attingono le materie prime. Varia perciò dall’utilizzo ricorrente delle carni, del pane, dei formaggi e dei vini nei territori di derivazione contadina e pastorale, ma anche di piatti tipici di mare che la fanno da padrone nei paesi della costa.

Abbiamo raccontato per immagini la lavorazione di piatti tipici di rara bellezza e di difficile realizzazione, come ad esempio “Su Filindeu” antica pasta barbaricina. Ci piace intervistare le artigiane che raccontano la storia, fatta di amore e passione per le tradizioni acquisite e mai dimenticate.

Ma vi sono altre pietanze, fra pasta, pane e dolci che riconosciamo più spesso nelle nostre tavole e che raccontiamo per la regia di Pj Gambioli.

ZAFFERANO, I SEGRETI DELL’ORO ROSSO DI SARDEGNA

Cos’è lo Zafferano? E soprattutto, sai che una delle qualità migliori è prodotta in Sardegna? E’ stato durante un incontro causale che abbiamo conosciuto una delle coltivatrici di zafferano biologico, Patrizia Gungui di Mamoiada.

Grazie al suo sapere abbiamo scoperto i segreti dell’Oro Rosso di Sardegna, abbiamo seguito passo passo la lavorazione di questa spezia che è ricavata dall’essicazione, tostatura e polverizzazione degli stigmi del fiore Crocus Sativus.

Abbiamo cercato di tracciare assieme a lei un percorso formativo/informativo che parte dall’ABC: cos’è lo zafferano e quali sono le caratteristiche principali della pianta.

Si passa poi alla preparazione del terreno, alla semina dei bulbi ed al controllo delle infestanti. La Sardegna non smette mai di stupirci: mentre è più pubblicizzato lo zafferano delle zone del Sud dell’isola, scopriamo con grandissimo stupore che è una pianta che si coltiva perfettamente anche nei territori dell’entroterra.

Difatti facendo una ricerca scopriamo che sono davvero tante le ricette tradizionali che utilizzano come base questa preziosa spezia. Perciò dalla raccolta, dalla mondatura dei fiori, all’essicazione e conservazione siamo passati al confezionamento ed alla trasformazione.

Un bellissimo percorso prodotto dallo Zafferano Group e documentato dalla regista Pj Gambioli, musiche originali di Serena Giannini